Più responsabili in giudizio ma uno solo citato in giudizio? La domanda va respinta (Trib. Roma sez.

Se la responsabilità di un evento è riferibile a più soggetti, ma solo uno di questi viene citato in giudizio, la domanda andrà rigettata. Così ha disposto il Tribunale Civile di Roma, Sez. XIII, nella sentenza 19/11/2015.

La vicenda riguardava il decesso, avvenuto presso l'ospedale San Camillo, di un neonato nato presso un altro nosocomio. I genitori del minore avevano evocato in giudizio solo la clinica presso cui il neonato era venuto al mondo, ma non quella presso cui era avvenuto il decesso, chiamata in garanzia dall’assicurazione dell’Ospedale convenuto. Tale chiamata è stata giudicata irrituale ed inammissibile dal Tribunale adìto, atteso che non spettava all’assicurazione ma alla struttura ospedaliera convenuta evocare in giudizio il nosocomio presso cui era avvenuto il decesso del minore, ma la stessa non lo ha ritenuto opportuno. La mancata citazione del suddetto ospedale, non ha consentito al Giudicante di effettuare un'istruttoria diretta ad accertare e verificare il diverso grado di responsabilità; in effetti se così non fosse si eseguirebbe un’azione contraria ai principi dell'ordinamento giuridico, in quanto verrebbe constatata, seppure in via incidentale, la responsabilità di un soggetto che non è mai stato parte del giudizio e non ha dunque avuto la possibilità di difendersi.

Inoltre, per quanto concerne l'onere probatorio in materia di nesso causale e colpa, non è stato possibile un vero riscontro non solo relativamente al grado di incidenza causale rispetto all’evento finale, ma anche, in termini differenziali, per appurare un eventuale maggior danno, ovvero l’esistenza di un danno più grave.

Sebbene la condotta del personale medico-sanitario del Cristo Re, sia stata inizialmente caratterizzata dal ritardo nell’accorgersi del problema di salute del neonato, la stessa non è stata causa efficiente di fatti idonei alla determinazione del decesso, poiché il paziente non è deceduto presso tale ospedale, da cui è stato dimesso regolarmente ed in buone condizioni. Quindi allo stato degli atti utilizzabili non vi è la prova certa che la morte è stata causata dalla condotta dei sanitari di tale ospedale.

Essendo pertanto, esclusa qualsiasi rilevanza causale fra la condotta del personale del Cristo Re e la morte del neonato, il Tribunale adìto ha rigettato la domanda avanzata dai genitori del neonato deceduto.

Featured Posts
Recent Posts